Inserisci questo codice HTML all'interno dei tag :

La visita oculistica presso il Centro San Camillo di Bari permette di valutare lo stato di salute degli occhi e di diagnosticare, o escludere, tutte le patologie che li riguardano.

L’occhio dovrebbe essere controllato periodicamente dall’oculista, e in particolare in caso di comparsa di sintomi come:

  • improvviso calo della vista
  • comparsa di lampi nel campo visivo
  • visione di macchie scure
  • immagini distorte
  • dolore, bruciore o rossore agli occhi
  • comparsa di formazioni  sotto la palpebra
  • visione sdoppiata
  • mal di testa
  • familiarità con patologie oculari

Vediamo insieme cos’è la visita oculistica, a cosa serve e alcune interessanti curiosità a riguardo.Visita oculistica

Cos’è la visita oculistica?

Eseguita da un’oculista, cioè da un medico specialista in oculistica, questa visita è fondamentale per diagnosticare, escludere o monitorare ogni patologia che riguardi gli occhi.

Tra le diagnosi più frequenti ci sono:

  • Ambliopia, il così detto “occhio pigro”
  • Astigmatismo
  • Cataratta
  • Congiuntivite
  • Degenerazione maculare
  • Distacco della retina
  • Glaucoma
  • Miopia
  • Retinopatie
  • Strabismo

 A cosa serve la visita dall’oculista

La visita oculistica è l’unico modo per valutare obiettivamente le condizioni di salute degli occhi, e quindi di diagnosticare o escludere le patologie oculari e di stabilire un’eventuale cura o terapia.

Spesso l’oculista può ritenere necessario l’approfondimento tramite altri esami specialistici ma, in generale, dopo l’anamnesi del paziente, si procede durante la visita oculistica ad analizzare l’occhio attraverso:

  • un esame della capacità visiva
  • un esame esterno
  • una misurazione della pressione oculare
  • un esame del fondo dell’occhio
  • una biomicroscopia, esame alla lampada a fessuraVisita oculistica

5 curiosità da sapere sulla visita oculistica

  1. Nei bambini è consigliabile effettuare la prima visita a 3 anni circa. In seguito, salvo diversa prescrizione dell’oculista, è bene fare un controllo a 5 o 6 anni. In assenza di patologie riscontrate o di altre indicazioni, gli adulti dovrebbero andare dall’oculista ogni 2 o 3 anni, mentre dai 65 anni in poi meglio controllarsi una volta l’anno.
  2. La differenza tra la visita dall’oculista e il controllo della vista dall’ottico è notevole, in quanto si tratta di due valutazioni completamente diverse. Un negozio di ottica può solamente effettuare un esame della vista per determinare la correzione da scegliere per le lenti degli occhiali. Solo l’oculista può controllare in toto l’occhio, per esempio la retina stessa grazie all’esame del fondo oculare.
  3. Il controllo ortottico è una particolare visita oculistica che valuta l’apparato neuromuscolare dell’occhio e la “collaborazione” tra i due occhi. Si tratta di un esame molto utile per evidenziare lo strabismo e un’eventuale ambliopia.
  4. Gli occhi possono rivelare problemi di salute che riguardano altre parti del corpo. Malattie cardiache possono essere suggerite da un’insolita ramificazione dei vasi sanguigni nell’occhio, tumori da pupille di dimensioni diverse, problemi alla tiroide dagli occhi sporgenti.
  5. Le patologie oculari più comuni nei bambini sono patologie retiniche(25% dei casi); malattie corneali(20%); cataratta(13%); glaucoma(6%); patologie globali del bulbo oculare(17%); traumi(19%). I problemi oculari maggiormente diffusi tra gli adulti sono: degenerazioni maculari; miopia degenerativa; retinopatia diabetica; glaucoma cronico semplice; degenerazioni tapeto-retiniche; distacco della retina; traumi (la causa più frequente di problemi tra i 15 e i 45 anni).

Visita Oculistica con Test visivi e Prescrizione lenti con la dr.ssa Alessia Dipietro 75€

Prenotazioni:

– presso la nostra sede in Via Calefati 177 – Bari
– Tel. 080.914.64.94      
E-mail: info@centrosancamillo.com

Lasciaci i tuoi dati per usufruire della Visita in Promozione

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo Cellulare (richiesto)

A che ora possiamo contattarti per conferma?